www.MobilityinProgress.com

Huawei: dai cellulari alle quattro ruote (elettriche ovviamente)

Huawei presenterà il suo primo veicolo elettrico al Salone dell’Auto di Shanghai 2021

Huawei EV

E’ ufficiale. In Cina le auto elettriche fanno gola e i produttori di tecnologie stanno passando dalla telefonia cellulare ai veicoli elettrici. Alcuni, come LG, hanno addirittura annunciato che lascieranno il ramo della telefonia già dal luglio 2021 per dedicarsi proprio all’automotive. Altri come Huawei hanno lavorato in gran segreto per poter presentare proprio al salone dell’auto di Shanghai, il loro primo veicolo, ovviamente EV.

Sembra esserci una migrazione verso questo nuovo comparto che vede tre dei principali produttori cinesi di telefonia cellulare aprire a questo settore, contando su idee e piani industriali a lungo raggio. Va anche considerato che le aziende tecnologiche cinesi hanno intensificato la loro attenzione sui veicoli elettrici in quanto Pechino promuove pesantemente il concetto di “green” come mezzo per ridurre l’inquinamento atmosferico.

Le vendite di nuovi veicoli energetici (NEV), compresi i veicoli elettrici a batteria pura, così come i veicoli ibridi plug-in e le celle a combustibile a idrogeno, dovrebbero costituire il 20% delle vendite annuali complessive di auto della Cina entro il 2025.

I rapporti con gli Stati Uniti

Per Huawei, nello specifico, dopo quasi due anni di sanzioni statunitensi che hanno tagliato il suo accesso alle catene di approvvigionamento chiave, costringendola a vendere una parte del suo business degli smartphone per mantenere il marchio vivo, Huawei pare aver trovato una nuova chiave di accesso ai mercati occidentali. Se la questione legata alla privacy, che aveva sospinto le restrizioni degli americani, verso il colosso Cinese, il comparto degli EV dovrebbe dare una nuova spinta all’azienda, oppure generare nuove polemiche.

Sarà questo uno dei terreni nel quale la nuova amministrazione Biden dovrà dare il via libera commerciale e rivedere le politiche restrittive emesse dal predecessore.

Un modello di business aperto

Il nuovo veicolo non sarà marchiato direttamente Huawei, ma avrà una sua identità, basata sull’esperienza de produttore Arcfox e il modello si chiamerà Alpha S HBT.

Richard Yu, capo del gruppo di business dei consumatori di Huawei che ha portato l’azienda a diventare uno dei più grandi produttori di smartphone del mondo, dovrebbe ricoprire incarichi chiave nel nuovo ramo d’azienda.

Gli ambiziosi piani di Huawei di produrre le proprie auto la vedranno unirsi a una serie di aziende tecnologiche asiatiche che hanno fatto annunci simili negli ultimi mesi, tra cui Baidu Inc e Foxconn.

Huawei sta sviluppando da anni una serie di tecnologie per i veicoli elettrici, tra cui sistemi software per auto, sensori per automobili e hardware di comunicazione 5G.

L’azienda ha anche formato partnership con case automobilistiche come Daimler AG, General Motors Co e SAIC Motor per sviluppare congiuntamente tecnologie per auto intelligenti, pertanto il concetto di veicolo elettrico non si ferma ai modelli di casa propria, ma vuole estendersi a tutto il settore automotive.

Quali tecnologie ci attendono?

Stando ai registri brevetti cinesi, Huawei ha ottenuto almeno quattro brevetti relativi ai veicoli elettrici, compresi i metodi per la ricarica tra veicoli elettrici e per il controllo della salute della batteria.

Chi si aspettava la sola partecipazione di Xiaomi alla corsa agli EV dovrò assistere ad una ben più massiccia carica dal più grande paese asiatico.